MOBILITA' 2016


clicca sull'immagine per aprire il file AMBITI  nel dettaglio


MOBILITA' 2016/17


 FAQ DEL MIUR UTILIZZAZIONI E ASSEGNAZIONI 

UTILIZZAZIONI E ASSEGNAZIONI PROVVISORIE 2016/17 (
MOBILITA' ANNUALE)

 DATE di presentazione domande utilizzazione/assegnazione: 

  • docenti scuola dell'infanzia e primaria: 28 luglio - 12 agosto
  • docenti scuola secondaria I e II grado: 18 agosto - 28 agosto
  • personale educativo e docenti di religione cattolica: 25 luglio - 5 agosto

LA MODULISTICA relativa alla mobilità annuale è reperibile a questo LINK   

ISTRUZIONI : Gilda Firenze -  Gilda Napoli

link ai modelli

le motivazioni necessarie per poter richiedere l’assegnazione provvisoria sono indifferentemente le seguenti:

  • ricongiungimento al coniuge o al convivente, ivi compresi parenti o affini, purché la stabilità della convivenza risulti da certificazione anagrafica;
  • ricongiungimento ai figli o agli affidati con provvedimento giudiziario;
  • gravi esigenze di salute del richiedente comprovate da certificazione sanitaria;
  • ricongiungimento ai genitori.

In caso di ricongiungimento al coniuge o al convivente destinato a nuova sede per motivi di lavoro non importa l’iscrizione anagrafica.
Limitatamente alle assegnazioni interprovinciali, per la precedenza (punto IV dell’art. 8 )  dei docenti che assistono parenti o affini disabili, padri e madri con figli di età inferiore ai 6 anni o tra 6 e 12  il domicilio dell’assistito, qualora sia in comune o distretto differente, è considerato al pari della residenza.

Alla domanda di assegnazione provvisoria devono essere allegati i documenti attestanti i requisiti richiesti nella tabella di valutazione per le assegnazioni provvisorie.



tabella riepilogativa delle prossime scadenze  
  INFANZIA 
PRIMARIA
MEDIE    SUPERIORI 
pubblicazioni
trasferimenti interprov e fase C
26 luglio (! ritardo) 2 agosto 13 agosto
pubblicazione dei posti 
da parte dei DS
dal 29/7 dal 6/8 dal 18/8
inserimento CV su istanze online
e invio alle scuole
dal 29/7 al 12/8  dal 6/8 al 9/8 dal 16/8 al 19/8
proposta incarico entro 18/8 entro 18/8 entro 26/8
domanda ass. provvisorie
e utilizzazioni

 dal 28/7 al 12/8 dal 18/8 al 28/8 dal 18/8 al 28/8
  • dal 26 luglio al 5 agosto personale educativo e docenti di religione cattolica

 IL CURRICULUM PER LA CHIAMATA DIRETTA

Chiariamo che riguarda i docenti di ruolo che hanno dovuto fare domanda agli ambiti!

Con NOTA MIUR 0020453.27-07-2016 sono confermate le date della sottostante tabella precedentemente pubblicata dal MIUR

  1. I Dirigenti scolastici pubblicano i previsti avvisi sui siti delle proprie scuole a partire dal 29/7 per infanzia e primaria, a partire dal 6 agosto per le medie e dal 18 agosto per il secondo grado.
  2. I docenti trasmetteranno i propri curricula che saranno esaminati dai Dirigenti scolastici secondo le scadenze riportate nella tabella
  3. Prima sarà data sede alle precedenze.

La proposta di incarico, la ricevuta l’accettazione e la conferma di incarico saranno inserite attraverso l’apposita funzione che sarà messa a disposizione delle scuole tramite il portale ‘individuazioni per competenze’ improrogabilmente, entro il 18 agosto p.v. per infanzia primaria e medie -  il 26 agosto p.v per il secondo grado

 Chi non avrà ottenuto l’incarico sarà assegnato alle sedi rimanenti in ordine di punteggio di trasferimento su ambito e partendo dalla scuola precedentemente indicata.  


proseguono gli slittamenti dei trasferimenti:
30 giugno - scuola secondaria di II grado - non più 24 giugno
Fase B, C, D:
22 luglio - scuola dell'infanzia e primaria - non più 18 luglio
1 agosto - secondaria di I grado - non più 28 luglio
13 agosto - secondaria di II grado - non più 9 agosto

 incontri MIUR-OOSS (vai alla pagina)

comunicato unitario 29 dicembre (link)




informazioni sulle domande di mobilità (clicca)

TERMINI PER LE OPERAZIONI DI MOBILITA’

 

 

 

 

 

  1. Il termine iniziale per la presentazione delle domande di movimento per il personale docente per la prima fase dei movimenti (art. 6 lettera A) è fissato al 11/4 ed il termine ultimo è fissato al  23/4.
  2.  Il termine iniziale per la presentazione delle domande di movimento per il personale docente per le ulteriori fasi dei movimenti (art. 6 lettere B, C e D) è fissato al  9/5 ed il termine ultimo è fissato al  30/5.
  3.  Il termine iniziale per la presentazione delle domande di movimento per il personale ed educativo è fissato al  11/4 ed il termine ultimo è fissato al  25/4.
  4.  Il termine iniziale per la presentazione delle domande di movimento per il personale A.T.A. è fissato 26/4 ed il termine ultimo è fissato al 16/5.

 

 

 

 

 

 

 I termini per le successive operazioni e per la pubblicazione dei movimenti, definiti secondo i criteri previsti dal CCNI 2016/17 sono i seguenti:

 

 Prima fase dei movimenti (punto A dell’art. 6)

 

 scuola dell’infanzia

 

1 - termine ultimo comunicazione al SIDI delle domande  di mobilità e dei posti disponibili. 30/4   -          

 

2 - pubblicazione dei movimenti. 13/5         

 

 scuola primaria

 

1 - termine ultimo comunicazione al SIDI delle domande di mobilità e dei posti disponibili 12/5                 

 

2 - pubblicazione  dei movimenti 26/5           

 

 scuola secondaria di I grado

 

1 - termine ultimo comunicazione al SIDI delle domande  di mobilità e dei posti disponibili 25/5               

 

2 - pubblicazione  dei movimenti 9/6

 

 scuola secondaria di II grado

 

1 - termine ultimo comunicazione al SIDI delle domande  di mobilità e dei posti disponibili 8/6               

 

2 - pubblicazione  dei movimenti 24/6                  

 

 I docenti che intendano avvalersi della prima precedenza prevista dall’art. 13 del CCNI presentano la propria domanda di trasferimento nei termini e con la modulistica della fase A indipendentemente dalla fase di partecipazione al movimento.

 

 Seconda fase dei movimenti personale docente

 

(punti B, C e D dell’art. 6)

 

scuola dell’infanzia

 

1 - termine ultimo comunicazione al SIDI delle domande di mobilità   24/6                 

 

2 - pubblicazione dei movimenti.       18/7         

 

scuola primaria

 

1 - termine ultimo comunicazione al SIDI delle domande  di mobilità  24/6                 

 

2 - pubblicazione  dei movimenti      18/7           

 

 scuola secondaria di I grado

 

1 - termine ultimo comunicazione al SIDI delle domande  di mobilità  24/6               

 

2 - pubblicazione  dei movimenti      28/7

 

 scuola secondaria di II grado

 

1 - termine ultimo comunicazione al SIDI delle domande  di mobilità   24/6                

 

2 – pubblicazione dei movimenti 9/8 

 

 b) personale educativo

 

 1 - termine ultimo comunicazione all’ufficio delle domande  di mobilità e dei posti disponibili 30 maggio                 

 

2 -  pubblicazione  dei movimenti 30 giugno     

 


 


8 aprile - AVVIO DOMANDE MOBILITA' - dall'11 al 22 aprile  per la FASE A  rivolta a:

  • Docenti immessi in ruolo entro l’a.s. 2014/15  solo per TRASFERIMENTI E PASSAGGI NELLA  PROVINCIA DI TITOLARITA’   (= per cambiare scuola ma all’interno della provincia di attuale titolarità – per chiedere passaggio di ruolo o di materia
  • Neo assunti Fasi 0 e A che richiedono la sede definitiva nella provincia in cui hanno avuto il ruolo.

 A breve una scheda riepilogativa sarà trasmessa con newsletter a tutti  gli associati

Per appuntamenti chiamare il n. 055/661744  lunedi martedi e giovedi dalle 16.30 - venerdi dalle 17
                                        il n. 0571/944276 martedi e giovedi dalle 17
sono previsti orari e giorni aggiuntivi rispetto a quelli abituali di ricevimento

5 aprile incontro al MIUR per la mobilità: circolano voci di una probabile bocciatura dell’ipotesi del contratto sulla mobilità e di un altrettanto probabile decreto legge. E così anche più ovvi spazi di democrazia sarebbero stati rottamati.


15 marzo - Ancora NON sono uscite le date per la presentazione della domanda di mobilità. Quello che alcuni siti pubblicano sono date ipotetiche.
Tuttavia s
econdo le ultime indiscrezioni, la Funzione Pubblica pone riserve al contratto sulla mobilità. 

Seguirà la firma da parte del ministro e la pubblicazione dell'ordinanza, presumibilmente per la prossima settimana.
Risulterebbe confermata, per i docenti, la presentazione delle domande in tempi differenziati: in una prima fase i movimenti all'interno della provincia, successivamente presentazione della domanda per province diverse.

 Queste le date (IM)probabili:

- docenti in ruolo dal 1.9.2014 o anni precedenti, Fasi O ed A (fasi comunale e provinciale) dal 29 marzo al 15 aprile
- docenti Fasi B - C - D (fasi interprovinciali) dal 2 maggio al 25 maggio

 Anche la pubblicazione dei movimenti seguirà l'ordine delle operazioni:

- docenti Fasi 0, A, immessi prima del 2015, tra maggio e giugno
- docenti Fasi B - C - D dall’11 al 30 luglio 


AMBITI TERRITORIALI: 02/03/2016  (art. 1, comma 66, L. 107/2015)  Definizione degli ambiti territoriali di articolazione dei ruoli regionali del personale docente introdotti dall’art. 1, comma 66 della Legge 107 del 13 luglio 2015 (c.d. “Buona Scuola”).
  
Allegati
file scuole divise per ambito


25 febbraio
i docenti in possesso di abilitazione per una delle classi di concorso aggregate ad un ambito disciplinare potranno partecipare alla mobilità professionale per le classi di concorso appartenenti al medesimo ambito senza il conseguimento della specifica abilitazione.
(AMBITI)


10 febbraio



5 febbraio - ULTIME SULLA MOBILITA' CHE SARA' FIRMATA DA CGIL - CISL - UIL - SNALS (GILDA non firma l'accordo perchè contiene elementi contrari ai principi professati)  
  • i docenti  vecchi assunti che si muovono nella prima fase(denominata fase A) avranno la titolarità di scuola, ma non potranno scegliere il posto, dato che l'organico sarà unico e quindi chi si sposta potrà anche finire sul potenziamento.  (La Gilda aveva chiesto che fosse prevista l'opzione sulla domanda)
  • Precedenze dell'ex art. 7 (ora art. 13) : una sub precedenza al comma 1 punto V dà priorità ai genitori che assistono un figlio disabile, rispetto a coloro che assistono il coniuge disabile o il genitore disabile.
  • L’art. 9 del precedente CCNI- (documentazione e certificazioni) sarà replicato esattamente come prima.  (La Gilda si era dichiarata contraria)
  • Art 34 del precedente CCNI (aggregazioni delle classi di concorso): rinviato all'OM a seguito del definitivo riordino delle classi di concorso previo confronto.
  • I licei musicali saranno oggetto di un'apposita sequenza contrattuale.
  • Ci sono state ,inoltre, alcune novità sulle tabelle di valutazione

 


 2 febbraio: Definiti gli Ambiti delle province toscane. Il testo è quasi definitivo. 

Tutte le province saranno divise in 2 ambiti con popolazioni scolastiche da 25.000 a 28.000 studenti, eccetto Firenze  che sarà divisa in 4 ambiti 


29 gennaio -  La scansione degli incontri MIUR Sindacati è definita giornalmente e le riunioni durano anche giornate intere. Si prevede la chiusura entro la prima settimana di febbraio (a seguire il contratto passerà alla FP e al MEF). I lavori stanno andando avanti con lentezza poichè l’interpretazione concreta dell’accordo politico sottoscritto dalle OO.SS. (con l’esclusione della Gilda) appare molto complessa. L’amministrazione punta molto sugli ambiti e in alcune situazioni dove non c'è titolarità sulla scuola è gioco facile.
Altri problemi scaturiscono dalla definizione delle tabelle di precedenza, dall'attivazione delle fasi che possono ancora essere cambiate e dai titoli per le decisioni sulla “scelta del dirigente o della scuola”  visto che le preferenze dei docenti dovrebbero agganciarsi al PTOF.  Far quadrare il cerchio sarà un'impresa. 


Prende forma l'accordo l'accordo sulla mobilità che trova contraria SOLO LA GILDA.
chiariamo che quanto di seguito anticipato è ancora modificabile

  • Entro febbraio saranno pubblicati gli Ambiti territoriali
  • Si dei sindacati Confederali e Snals alla chiamata diretta dei docenti da parte dei dirigenti scolastici per tutti gli insegnanti che dovranno far domanda su un ambito territoriale.
  • Le fasi della mobilità saranno quattro.  

 

 SU SCUOLA
prima fase comunale : docenti che potranno trasferirsi, all’interno dello stesso comune di titolarità, da una scuola ad un’altra con preferenza analitica.
Riguarda i docenti assunti fino al 2014/15 che richiederanno trasferimento nel comune di titolarità, i docenti che hanno perso il posto nella loro scuola di titolarità (domanda condizionata o d’ufficio) e i docenti che rientrano dopo essere stati fuori ruolo. I posti sui quali si svolgeranno i movimenti in questa fase saranno tutti quelli vacanti e disponibili, compresi quelli occupati attualmente dagli assunti delle fasi B e C da GAE (posti di diritto e potenziamento).
I docenti in questione potranno anche produrre domanda di mobilità interprovinciale secondo le regole previste  in deroga al vincolo triennale.

prima fase all' interno della provincia (INTERCOMUNALE) : docenti che chiedono trasferimento tra comuni diversi della stessa provincia (anche in questo caso la mobilità  avviene su scuola)  e non mediante ambito territoriale. In coda a questa fase i docenti neoassunti della fase  0 e A del piano straordinario di assunzioni a cui deve essere assegnata una scuola definitiva.
Riguarderà anche i DOS (sostegno II grado) ora titolari in provincia, che saranno assegnati ad una scuola.

Gli stessi docenti potranno anche produrre domanda di trasferimento per altre province con le modalità previste in deroga al vincolo triennale.

 
SU  scuola e AMBITI  con successiva chiamata dei DS.

seconda fase (INTERPROVINCIALE): docenti assunti entro il 2014/15 che richiederanno trasferimento INTERPROVINCIALE (anche i  DOS)
Seguono gli assunti in fase B e C da concorso su base provinciale  e i passaggi di ruolo e di cattedra.
I docenti di ruolo prima del 2014/15 hanno precedenza rispetto a tutti gli altri ( cioè alla fase B e C ma anche rispetto ai docenti fase 0 e A, sempre in riferimento ai movimenti INTERPROVINCIALI)

terza fase ( i posti residuati dalle fasi precedenti):  Siccome i docenti già di ruolo hanno già una titolarità e quelli della fase 0 A hanno già una provincia, ma quelli della fase B e C no, la terza fase riguarderà proprio loroSi tratta infatti della fase dei movimenti interprovinciali dei docenti entrati in ruolo prima del 2014/15 e i docenti fasi B e C da GAE. Con domanda su ambiti nazionali entreranno nell'ambito con scelta dal dirigente scolastico nell'ambito scelto o assegnato d'ufficio. 

I passaggi di ruolo e di cattedra avverranno sul 25% dei posti vacanti e disponibili a condizione che non si creino situazioni di soprannumero. L'accordo non chiarisce se tali docenti andranno su ambito o su scuola. 

SOLO SU AMBITI
quarta fase:  docenti delle fasi 0 e A e i docenti delle fasi B e C Concorso che decideranno di effettuare domanda per ambiti di altre province..
il docente deciderà se produrre domanda, il numero di ambiti da inserire e se non verrà soddisfatta alcune  delle preferenze  rimarrà nella sede definitiva provinciale, ottenuta con la domanda di mobilità provinciale. 


MOBILITA'  dopo lo strappo tra la Gilda e il MIUR, ora GILDA si discosta anche dagli altri sindacati.

Dopo la lunga riunione del 25 sera, nonostante le ulteriori aperture dell’Amministrazione circa la definizione dei criteri per la chiamata dei ds tramite la sequenza contrattuale e la estensione della titolarità su sede alla mobilità interprovinciale per gli assunti entro il 2014/15 rimane l’ostacolo dell’applicazione della legge 107/15 con particolare riferimento agli ambiti e alla chiamata diretta non è stato pienamente risolto. Ciò determina una situazione di ambiguità nella quale la proposta dell’Amministrazione rischia di legittimare le disparità di trattamento che la legge 107/15 prevede con l’applicazione della chiamata discrezionale del dirigente scolastico e con la differenziazione dei vari settori dei neo assunti (fase 0 e A e fase B e C). In questo senso la FGU-Gilda non sottoscrive in questa fase, a differenza delle altre OO.SS., alcun impegno politico sui temi proposti dall’Amministrazione.
Gli altri sindacati 
Cgil, Cisl, Uil, Snals hanno sottoscritto una scheda con i contenuti dell'impegno per proseguire la trattativa sulla mobilità 2016/2017


 

richiesta unitaria 22 gennaio




















MOBILITA', GILDA: NON FIRMIAMO CONTRATTO CON AMBITI E CHIAMATA DIRETTA

 
Le prove di dialogo con il Miur sulla mobilità sono finite: non firmeremo il contratto”. E' quanto dichiara Maria Domenica Di Patre, vice coordinatrice nazionale della Gilda degli Insegnanti, al termine dell'incontro che si è svolto questa mattina a viale Trastevere.
 
La proposta dell'Amministrazione – spiega Di Patre – resta incardinata sugli ambiti territoriali e sulla chiamata diretta da parte del dirigente scolastico, due aspetti della legge 107 ai quali ci siamo sempre dichiarati contrari e su cui continuiamo a ribadire il nostro netto no. Inoltre persistono le inique disparità di trattamento tra le varie categorie di docenti, vecchi e nuovi assunti. Per la Gilda non esiste alcuna possibilità di intesa a queste condizioni. Prendiamo dunque atto della inconciliabilità delle posizioni e siamo pronti – conclude la vice coordinatrice della Gilda – a ricorrere a tutte le vie legali fino ad arrivare al referendum abrogativo”.
  
Roma, 21 gennaio 2016

PUNTEGGI - Si profilano cambiamenti sostanziali ai punteggi (link)
15 dicembre - Nonostante il notevole ritardo e della contrattazione e della definizione degli Ambiti territoriali il MIUR non intende rinviare il nuovo sistema di mobilità

MOLTE LE PERPLESSITA' SU COME SARANNO GESTITI I TRASFERIMENTI anche perchè quanto disposto al comma 108 della L. 107 è poco chiaro. Quante scuole e/o quanti ambiti potranno essere richiesti? Chi potrà fare richiesta fuori provincia? Quali saranno esattamente gli Ambiti? 

Le uniche informazioni ad oggi sono i criteri per la costituzione degli Ambiti e le Fasi qui  di sotto riportate


 AMBITI TERRITORIALI: comincia a prendere forma la dimensione degli ambiti sui quali dovranno chiedere trasferimento i neo assunti e sui quali lo potranno chiedere tutti gli altri docenti di ruolo.

Tenendo come punto di riferimento gli attuali Distretti scolastici (circa 800) pare che gli ambiti possano ridursi alla metà quindi con un notevole ampliamento del territorio interessato. Infatti ogni ambito non potrà avere una popolazione scolastica inferiore a 22mila alunni, fatta eccezione per alcune province, ma potrà arrivare a 40mila, con deroga a 60mila per le aree metropolitane.

Riunione MIUR del 3 dicembre: FASI dei trasferimenti
I fase : saranno trattate le assegnazioni definitive delle fasi 0 e A con titolarità sulla scuola (e non su ambito)
II mobilità straordinaria di tutti di docenti assunti entro il 2014/15 su tutti gli ambiti territoriali nazionali
III fase: saranno trattate le assegnazioni definitive delle fasi B e C – GAE- con titolarità sugli ambiti nazionali (per graduatorie di concorso ordinario sarà su ambiti regionali)

MIUR E MOBILITA'_ sono iniziati al MIUR gli incontri sulla mobilità 2016/17

Gli uffici scolastici regionali dovranno sentire il parere della Conferenza Regioni-Enti locali per definire gli ambiti territoriali e per decidere in base ad alcuni indicatori (popolazione scolastica, vicinanza tra istituzioni scolastiche e caratteristiche del territorio) la loro costituzione. 
Successivamente, con uno specifico decreto dell’Ufficio Scolastico Regionale, l'organico dell'autonomia sarà ripartito tra gli ambiti  stessi.

(clicca)