GILDA RICORSI COLLETTIVI


PAGINA RICORSI DEPOSITATI NEL 2011
indice delle altre pagine:
PAGINA RICORSI  DEPOSITATI  E IN ATTO  NEL 2016  Generated button   
PAGINA DEI RICORSI DEPOSITATI NEL 2015               Generated button

PAGINA RICORSI IN CORSO DI ATTIVAZIONE 2016

RICORSO PER I DANNI PATITI DAL MANCATO RINNOVO CONTRATTUALE




                                   Generated button

RICORSI PRESENTATI NEL 2011 PER LA STABILIZZAZIONE E DANNO

(i ricorrenti che hanno modificato i recapiti senza darcene avviso sono pregati di contattare la Gilda di Firenze)

  •  iscrizione a ruolo n° 4231/2011 udienza 12/05/2015  - rinviato al 18/12/2015* e successivamente al  10/06/2016 - Attesa la sentenza entro il 20 giugno 2016
  •  iscrizione a ruolo n° 4232/2011 udienza 16/12/2014 giudice Taiti  sentenza favorevole per chi aveva maturato più di 36 mesi - i ricorrenti sono stati avvisati
  • iscrizione a ruolo n° 5570/2011 udienza 31/03/2015 giudice Papait  rinviato a 13/10/2015 - nuovo rinvio al 6/05/2016.   Riconosciuto il danno e il diritto agli scatti per circa  € 40.000. 
  • iscrizione a ruolo n°4314/2011 udienza 6/05/2016  rinviata al 22 novembre 2016 
  •  
  • iscrizione a ruolo n° 4315/2011 udienza 17/12/2014 giudice Rizzo ( solo il risarcimento del danno) discusso 8 aprile 2015 - 
    sentenza presso gli uffici Gilda - riconoscimento del danno a chi aveva superato i 36 mesi



RICORSO PER IL SOLO RICONOSCIMENTO DEGLI SCATTI
n. 3228- 3229 e 3230

sentenza 2014 :il ricorso non è stato accolto
Nel frattempo la giurisprudenza è cambiata quindi verrà ripresentato per i docenti che ancora sono in servizio presso scuole della provincia di Firenze e che siano associati alla Gilda (i docenti saranno ricontattati)


 

VITTORIA dell'UNAMS: Finalmente i diplomi AFAM sono equipollenti alle lauree universitarie al massimo livello -        leggi link 1 link 2



DISABILITA'   A un alunno con disabilità grave non viene dato l’insegnante di sostegno per l’intero orario scolastico. La famiglia fa ricorso al Tar e il tribunale amministrativo condanna l’amministrazione e riconosce all’alunno il diritto ad avere il sostegno per l’intero orario. Non solo. La famiglia viene risarcita del danno subito. E’ quanto è accaduto a Lucca. 

 Intervento dell’avvocato Pierfrancesco Petroni                      (segui il video) 


 Servizio scuola materna 

Alla vittoria della Gilda di Frosinone (sentenza  n. 820/2011) e a quella di Arezzo si aggiunge la sentenza del Giudice del Lavoro del Tribunale di Lamezia Terme con sentenza del 15.05.2013 ha accolto i ricorsi patrocinati dallo studio Verlingieri & Maddalena, promosso da 4 docenti iscritti alla Gilda di Catanzaro e diretti ad ottenere il  riconoscimento sia ai fini giuridici, che economici del servizio di ruolo prestato dalle predette insegnanti presso la scuola  dell'infanzia, a seguito di ricostruzione di carriera, dopo aver ottenuto il  passaggio di ruolo nella Scuola Secondaria.

 Inoltre la sentenza 2037/13 della Cassazione conferma che  il servizio di ruolo prestato nelle scuole materne vale anche ai fini dei passaggi nelle scuole secondarieIl provvedimento riconosce infatti nel mutato  quadro normativo, in virtù del sopravvenire dell’art. 57 L. n.312/19800, l’art. 83  va letto alla luce del nuovo quadro normativo, e dunque interpretato nel senso che in ogni caso in cui l’ordinamento consente il passaggio di ruolo, il docente conserva l’anzianità di servizio maturata nel ruolo precedente, a tutti gli effetti, giuridici ed economici.”.


  PRECARI: GILDA  ALLA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA


A seguito di un ricorso della Gilda di Napoli in merito alla violazione della direttiva comunitaria 199/70 da parte dello Stato italiano, il Giudice del Tribunale di Napoli, Dott. Coppola, ha rimesso gli atti alla Corte di Giustizia Europea, chiedendo di pronunciarsi sull'abuso fatto dall'Ammistrazione della reiterazione dei contratti a termine fatti. La Gilda, inoltre, si è costituita in giudizio presso il Tribunale di Napoli per poter difendere tutti i docenti precari, non solo nei tribunali italiani, ma anche presso la Corte di giustizia Europea. Ne parliamo con all'avvocato Tommaso De Grandis, responsabile nazionale dell'Ufficio legale della Gilda.